Lo spazio di lavoro di Invisiblefarm si illumina con OpenHAB

“Nell'era dell'Internet of Things, dove gli oggetti acquisiscono una loro intelligenza e la rete si evolve, non potevamo non perseguire questa strada, partendo dalla trasformazione della nostra realtà, dello spazio in cui lavoriamo e che viviamo tutti i giorni, condiviso con il team e che accoglie i nostri clienti.”

E' attraverso il software open Home Automation Bus, meglio conosciuto come openHAB, che alcuni degli ingegneri e sviluppatori di Invisiblefarm hanno infatti realizzato un sistema pilotato di strisce led che cambiano colore, manualmente o tramite automatismo secondo le regole del ritmo circadiano, un ciclo caratterizzato da un periodo di circa 24 ore.
Il software open source, infatti, permette di automatizzare gli ambienti, come la propria abitazione o l'ufficio. Facilmente interfacciabile a svariate tecnologie e prodotti smart della casa come televisore, modem, illuminazione o sistema di allarme per esempio, è sviluppato in Java, ed è facilmente installabile su diverse piattaforme come Windows, Linux e MacOS. Quattro inoltre le componenti: i connettori (Bindings), le regole (Rules), gli Items e l'interfaccia grafica (User Interface). Partendo da un Raspberry che funge da server, Invisiblefarm vi ha installato openHAB e, sfruttando il protocollo MQTT, invia i comandi a dei dispositivi ESP8266 opportunamente programmati per compiere le azioni richieste.

Lo spunto, preso da tutorial relativi a come programmare i dispositivi H801, ha permesso alla software house di programmare ed interpretare i messaggi relativi l'illuminazione dell'ambiente di lavoro di Via Vantini 1, contribuendo a rendere l'ufficio ancora più smart, dotandolo di un'identità elettronica legata al sistema led, particolarmente interessante per la sua peculiarità di elevata efficienza luminosa e affidabilità.
Dalla sala riunione, all'open space, sino ai singoli uffici e alla sala relax: lo spazio di lavoro di Invisiblefarm si illumina con OpenHAB.
Share on :